Esperienza, tecnica e strategia per volare alto

30/12/2020

Il nostro collega Giacomo ha 26 anni, è laureato in Ingegneria Aerospaziale e lavora in ALTEN da circa un anno, prima come CFD Engineer nel settore Automotive, poi come Test Engineer in ambito Life Science.

Oggi ci racconta di una sua passione molto speciale che l’ha guidato anche nella scelta degli studi universitari: il volo senza motore.

La mia passione per il volo senza motore, altrimenti detto volo a vela, o volo in aliante, è nata grazie a mio padre, che mi ha sempre supportato, tanto da permettermi di ottenere il brevetto ancora prima di compiere 17 anni”, ci spiega Giacomo, che oggi, 10 anni dopo, ha accumulato circa un migliaio di ore di volo, molte delle quali in competizioni. “Avendo iniziato molto giovane ed essendo così tanto coinvolto da questo sport – prosegue – ho avuto la possibilità di entrare nella rosa nazionale come Juniores. Ho partecipato ai campionati mondiali Juniores in Australia nel 2015 e in Lituania nel 2017, poi ai campionati mondiali Senior in Repubblica Ceca nel 2018 e ai campionati Europei in Slovacchia nel 2019. Son stato due volte vice-campione Italiano in classe “club” e quest’anno ho vinto il campionato italiano di distanza”.
Nel 2021 il nostro collega parteciperà nuovamente ai campionati mondiali, questa volta in Francia.

Il volo in aliante è uno Sport nel quale, sfruttando l’energia data dai moti convettivi e dinamici dell’atmosfera generati dal sole e dai venti, si cerca di percorrere grandi distanze. Giacomo vola principalmente a Pavullo, nel Frignano (MO), da dove ha compiuto il suo volo più lungo: 700 km in quasi 9 ore di volo.

È un tipo di attività oggettivamente molto complessa – ci racconta il nostro collega – ed è un connubio di esperienza, tecnica e strategia, basata sull’intuizione dei movimenti delle masse d’aria da cui la scelta delle rotte per ottimizzare il proprio volo. Non mi piace mai definirlo come uno sport estremo o pericoloso: la chiave è avere un costante timore reverenziale nei confronti di ciò che ci circonda, quindi di non peccare mai di troppa confidenza e di volare in funzione della propria esperienza e capacità”.

Giacomo ci hai poi raccontato che questo tipo di volo è in grado di regalare emozioni straordinarie ed uniche, a partire da panorami stupendi, che solo questa posizione privilegiata può offrire. Ciò che lo appaga di più è potersi muovere sul territorio grazie al gesto sportivo dell’interpretazione e dello sfruttamento delle forze della natura. “Credo che la dedizione profonda ad una passione così dinamica e stimolante possa essere un valore aggiunto alla persona ed ha ripercussioni positive in tutti gli altri aspetti della vita, in primis quello lavorativo”.

Sia nella mia passione che nella mia professione – continua il nostro collega – è necessario utilizzare logica, intuito, visione d’insieme e lungimiranza per conseguire gli obiettivi. L’impegno, la dedizione e la voglia di crescere accomunano queste due parti della mia vita e sono complementari ed indispensabili l’una all’altra. Credo molto in ALTEN, nei suoi valori, nel suo modello di sviluppo e nelle competenze delle persone che compongono l’azienda. Sono sicuro che ALTEN darà alla mia vita professionale gli strumenti e le possibilità necessarie per spingermi, come in un bel volo, sempre più alto, lontano e veloce”.

 

 

Grazie Giacomo per aver condiviso con noi la tua passione!

Share